News

Studio Legale Mazza > News (Page 6)

Diritto Penale, Compimento di Atti di Concorrenza posti in essere nell’esercizio di un’Attività Commerciale, Industriale, o comunque Produttiva, Ostacolo della libertà di autodeterminazione dell’Impresa Concorrente, Questione Penale Decisa n. 49343 del 28/11/2019, Sezioni Unite Suprema Corte di Cassazione

Riferimenti normativi Legge 10 ottobre 1990, n. 287, artt. 2, 3; T.F.U.E., artt, 101, 102; cod. civ., art. 2598; cod. pen., art. 513-bis. Ordinanza di rimessione della Terza Sezione Penale Se, ai fini della configurabilità del reato di illecita concorrenza con violenza o minaccia, sia necessario il compimento di condotte illecite tipicamente concorrenziali o, invece, sia sufficiente anche il solo compimento di atti di violenza o minaccia comunque idonei a contrastare od ostacolare l'altrui libertà di concorrenza. Decisione E' necessario il compimento di atti di concorrenza che, posti in essere nell'esercizio di un'attività commerciale, industriale o comunque produttiva, siano connotati da violenza o minaccia e...

Leggi di più

Contenzioso Tributario, Ici, Area, Già edificabile, Programma di Cd. ” Compensazione Urbanistica”, Corte di Cassazione, V Sez. Trib., Ordinanza interlocutoria n. 26016 del 15/10/2019

ICI – AREA, GIÀ EDIFICABILE, ASSOGGETTATA AD UN VINCOLO DI INEDIFICABILITÀ ASSOLUTA CON LEGGE REGIONALE – INSERIMENTO DI TALE AREA IN UN PROGRAMMA DI CD. “COMPENSAZIONE URBANISTICA” – PROCEDIMENTO COMPENSATORIO NON ANCORA CONCLUSO CON SPECIFICA INDIVIDUAZIONE DELLA CD. AREA DI “ATTERRAGGIO” – NATURA EDIFICABILE – ASSIMILABILITÀ A FINI IMPOSITIVI – QUESTIONE DI MASSIMA DI PARTICOLARE IMPORTANZA. In tema di ICI, la Sezione tributaria ha rimesso alle Sezioni Unite civili, ai sensi dell’art. 374, comma 2, c.p.c., la risoluzione della seguente questione di massima di particolare importanza: se un’area, prima edificabile e poi assoggettata con legge regionale ad un vincolo di inedificabilità...

Leggi di più

Contenzioso Tributario, Consolidato Nazionale, Accertamento con adesione di primo livello da parte della Consolidata, Effetti sulla Responsabilità della Consolidante, Corte di Cassazione, V Sez. Trib., sent. n. 30348 del 21/11/2019

CONSOLIDATO NAZIONALE - ACCERTAMENTO CON ADESIONE DI PRIMO LIVELLO DA PARTE DELLA CONSOLIDATA - EFFETTI SULLA RESPONSABILITÀ DELLA CONSOLIDANTE CHE NON HA PARTECIPATO AL PROCEDIMENTO PER ADESIONE NÉ HA IMPUGNATO L’AVVISO DI ACCERTAMENTO DI SECONDO LIVELLO DIVENUTO DEFINITIVO – DISCIPLINA ANTERIORE ALLA INTRODUZIONE DELL’ART. 40-BIS D.P.R. N. 600 DEL 1973 E DELL’ART. 9-BIS DEL D.LGS. N. 218 DEL 1997. La sezione tributaria di questa Corte ha stabilito che, in caso di consolidato nazionale, l’accertamento con adesione di primo livello della società consolidata, secondo la disciplina anteriore all’introduzione, con il d.l. n. 78 del 2010, conv. dalla l. n. 122 del 2010,...

Leggi di più

Ambiente, Inquinamento delle acque sotterranee nei siti contaminati, Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento, Sezione Unica, Sentenza del 15.11.2019 n. 154

Inquinamento – Inquinamento ambientale – Conseguenze ex artt. 242 e 245, d.lgs. n. 152 del 2006 – Differenze - Ratio. Inquinamento – Inquinamento ambientale – Responsabile dell’inquinamento – Individuazione. Inquinamento – Inquinamento ambientale – Inquinamento delle acque sotterranee nei siti contaminati – Art. 243, comma 1, d.lgs. n. 152 del 2006 – Ambito di applicazione. La differenza tra la disciplina posta dall’art. 242, d.lgs. n. 152 del 2006, che prevede in capo al responsabile dell’inquinamento l’obbligo di porre in essere le procedure operative e amministrative finalizzate a prevenire i rischi di inquinamento (comma 1) e ad attuare gli interventi di bonifica e di messa in sicurezza (comma 7), e quella posta...

Leggi di più

Ambiente, Inquinamento Ambientale, Consiglio di Stato, A. P. Sentenza del 22 ottobre 2019 n. 10

Inquinamento – Inquinamento ambientale – Bonifica – Società subentrata per effetto di fusione per incorporazione alla società responsabile – Responsabile per fatti della società originaria - Limiti La bonifica del sito inquinato può essere ordinata anche a carico di una società non responsabile dell’inquinamento, ma che sia ad essa subentrata per effetto di fusione per incorporazione, nel regime previgente alla riforma del diritto societario, e per condotte antecedenti a quando la bonifica è stata introdotta nell’ordinamento giuridico, i cui effetti dannosi permangano al momento dell’adozione del provvedimento. La questione era stata rimessa da Cons. St. sez IV, Ord. 07 maggio 2019 n....

Leggi di più

Finanziario, Consob e Banca d’Italia, Protocollo d’Intesa in materia di servizi e attività di investimento e di gestione collettiva del risparmio

D.lgs. n. 129 del 2017 di attuazione della direttiva Mifid II Consob e Banca d'Italia hanno sottoscritto il 5 novembre 2019 un nuovo Protocollo d'Intesa in materia di servizi e attività di investimento e di gestione collettiva del risparmio, destinato a sostituire il precedente Protocollo del 31 ottobre 2007. L’aggiornamento è volto ad adeguare la cornice della cooperazione tra le due autorità alle novità normative intervenute negli ultimi anni e intende accrescere il grado complessivo di efficacia ed efficienza del coordinamento delle rispettive attività di supervisione. In sintesi, il nuovo Protocollo: a) ridefinisce l’ambito della collaborazione tra la Banca d’Italia e la Consob alla...

Leggi di più

Amministrativo, Procedimento amministrativo, Autotutela, Consorzio di Sviluppo Industriale, Tar Lazio, Sezione Seconda Quater, 23/10/2019, Sentenza n. 12198

Procedimento – Comunicazione di avvio - Contributi e finanziamenti - Consorzio di Sviluppo Industriale – Beni assegnati per ripristinare la destinazione produttiva – Riacquisto – Necessità della fase partecipativa. La possibilità di riacquisto di un bene di produzione assegnato dal Consorzio di Sviluppo Industriale ad imprenditori privati al fine di ripristinarne la destinazione produttiva prevista dall'art. 63, l. 23 dicembre 1998, n. 448, incidendo su rapporti giuridici in corso di svolgimento, deve avvenire nel rispetto delle garanzie procedimentali sancite dall’art. 7, l. n. 241 del 1990 (1). (1) Ha chiarito il Tar che l’assegnazione in proprietà o la concessione in uso di...

Leggi di più

Amministrativo, Urbanistica, Servitù di uso pubblico, Destinazione di un’area a standard, Uti cives, Consiglio di Stato, Sezione Quarta, 17/06/2019, Sentenza n. 4068

La destinazione di un’area a standard è finalizzata mediante una servitù di uso pubblico alla fruizione della stessa da parte dell’intera collettività indistinta dei cittadini (uti cives) e non all’uso limitato (uti singuli) da parte dei soli utenti delle unità immobiliari in relazione alle quali è sorto l’obbligo della dotazione degli standard (1). (1) Il comune di ...

Leggi di più

Amministrativo, Urbanistica, Rilevanza strategica del complessivo progetto di opera pubblica, Tar Molise 06 giugno 2019 Sentenza n. 209

Rilevanza strategica del complessivo progetto di opera pubblica e conseguente necessità di sottoporlo ai procedimenti amministrativi in materia ambientale Ambiente – Valutazione ambientale strategica - Opera pubblica – Rilevanza strategica per la mobilità urbana – Dichiarazione di pubblica utilità – Piano Regolatore – Variante – Omessa valutazione ambientale strategica – Illegittimità. Ambiente – Valutazione ambientale strategica – Opera pubblica – Rilevanza strategica per la mobilità urbana – Dichiarazione di pubblica utilità – Procedura di verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale – Limitata ad una parte dell’opera – Illegittimità Ai sensi degli artt. 5 e 6 del D.Lgs n. 152/2006, deve essere...

Leggi di più

Finanziario, Imprese, Crowdfunding, Obbligazioni delle PMI, Consob

Art. 100 - ter Tuf Delibera Consob n. 21110 del 10 ottobre 2019 Modifiche al Regolamento Consob n. 18592 del 26 giugno 2013 sulla raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line e successive modifiche e integrazioni (Regolamento Crowdfunding) per l'adeguamento alle novità introdotte dalla legge di bilancio 2019 Crowdfunding: ammesse all'offerta anche le obbligazioni delle PMI, Consob modifica il Regolamento per estendere l'operatività dei portali Si ampliano le fonti di finanziamento per le Piccole e medie imprese (Pmi). I portali di crowdfunding potranno offrire, infatti, non più soltanto titoli di capitale, come azioni o quote, ma anche obbligazioni e altri titoli di debito. È questa...

Leggi di più